venerdì 8 maggio 2015

La mamma è sempre la mamma.

Biscotti semplici.
Dire, fare, baciare... recita la filastrocca di un gioco per bambini.
Dare, fare, amare... recita la filastrocca che potrebbe essere della mamma.
Proprio alla vigilia della festa della mamma mi frullano in testa queste parole e, con tre meravigliose figlie, so di cosa parlo. Vero mamme? 
Fuori dalla retorica, essere madre è una impresa molto "conreta", carnale, fisica, fatta di gesti quotidiani, di routine infinite, di sentimenti contrastanti, di fatica titanica.
Ma è anche un'esperienza impagabile, non paragonabile a nessun'altra.
E, sempre fuori di retorica, dico che è vero: madri si diventa. 
Insieme ai figli, giorno dopo giorno, errore dopo errore, assenza dopo assenza, gioia dopo gioia.
Ora che, come ogni anno, arriva questa giornata, voluta da una donna, l’americana Anna Jarvis, che alla sua mamma, teneva molto, vediamo di passare la Festa della mamma senza cedere alle solite, comode, lusinghe commerciali. Passiamola FACENDO.
Partendo dal desiderio di regalarsi del tempo, di riscoprirsi  e di valorizzarsi un po’, poichè questo è un blog di cucina , per l'occasione vi dò una ricetta di biscotti molto semplici, da fare insieme mamma e figli. 
Da fare insieme, sporcandosi insieme, chiacchierando e alla fine mangiandoli insieme. 
Anche se i figli sono maschi... Niente scuse!
 



INGREDIENTI.
450 g di farina 0
3 uova intere (bio) (+ 1 tuorlo per spennellare)
3 tazzine da caffè di zucchero
3 tazzine da caffè di olio (io metto l'e.v.o.)
1/2 tazzina di liquore (rhum, limoncello...)
1 bustina di lievito per dolci
1 bustina di vanillina
scorza di un arancio grattugiata.

 PROCEDIMENTO.
Ipastare velocemente gli ingredienti, come per fare una frolla.
Suddividere l'impasto in 4 panetti e farne dei cilindri  non troppo fini, tipo baguette.
Infornare (forno ventilato, già caldo) a 180° per 10 minuti.
Estrarre dal forno, far raffreddare un po', tagliare i cilindri a fette spesse un dito, o più, allineare sulla placca, spennellare con il tuorlo e infornare di nuovo per altri 10/15 minuti. (occhio, che ogni forno è diverso..!)
Devono risultare dorati e friabili.
Perfetti con il tè al limone ma anche con un vino dolce, un moscato, un passito, una grappa, un brandy...
Buona festa della mamma.

Nessun commento:

Posta un commento